23 ottobre – Venerdì XXIX Settimana Tempo Ordinario – pari

+ Dal Vangelo secondo Luca (12,54-59)

In quel tempo, Gesù diceva alle folle:

«Quando vedete una nuvola salire da ponente, subito dite: “Arriva la pioggia”, e così accade. E quando soffia lo scirocco, dite: “Farà caldo”, e così accade. Ipocriti! Sapete valutare l’aspetto della terra e del cielo; come mai questo tempo non sapete valutarlo? E perché non giudicate voi stessi ciò che è giusto?

Quando vai con il tuo avversario davanti al magistrato, lungo la strada cerca di trovare un accordo con lui, per evitare che ti trascini davanti al giudice e il giudice ti consegni all’esattore dei debiti e costui ti getti in prigione. Io ti dico: non uscirai di là finché non avrai pagato fino all’ultimo spicciolo».

Commento

Abbiamo ascoltato dalla voce di Gesù un piccolo trattato di meteorologia da cui abbiamo compreso come egli sia esperto dei nostri luoghi e del nostro tempo. Purtroppo non è vero il contrario: il suo tempo noi non lo capiamo, o meglio, non lo vogliamo comprendere.

Quando ha iniziato a percorrere le nostre strade di Galilea, annunciava che il tempo atteso da secoli era giunto e che il Regno di Dio si era avvicinato: ecco il momento favorevole per lasciarsi cambiare il cuore, per accogliere le sue parole di vita nuova. Ora sta a noi decidere: se dargli credito e impegnarsi a mettere in pratica le esigenze del suo vangelo, o restare ancorati ai comodi egoismi o succubi delle nostre paure.

Nel primo caso la sua parola sarà luce e conforto nel cammino, altrimenti diventerà giudizio senza appello.

Dal “Calendario del Patrono d’Italia 2020” – Ed. Biblioteca Francescana – Milano