17 novembre – S. Elisabetta d’Ungheria, Patrona del III O. – Festa

+ Dal Vangelo secondo Matteo (25,31-40)

In quel tempo, Gesù disse: «Quando il Figlio dell’uomo verrà nella sua gloria con tutti i suoi angeli, si siederà sul trono della sua gloria. E saranno riunite davanti a lui tutte le genti, ed egli separerà gli uni dagli altri, come il pastore separa le pecore dai capri, e porrà le pecore alla sua destra e i capri alla sinistra.
Allora il re dirà a quelli che stanno alla sua destra: Venite, benedetti del Padre mio, ricevete in eredità il regno preparato per voi fin dalla fondazione del mondo. Perché io ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere; ero forestiero e mi avete ospitato, nudo e mi avete vestito, malato e mi avete visitato, carcerato e siete venuti a trovarmi.
Allora i giusti gli risponderanno: Signore, quando mai ti abbiamo veduto affamato e ti abbiamo dato da mangiare, assetato e ti abbiamo dato da bere? Quando ti abbiamo visto forestiero e ti abbiamo ospitato, o nudo e ti abbiamo vestito? E quando ti abbiamo visto ammalato o in carcere e siamo venuti a visitarti?
Rispondendo, il re dirà loro: In verità vi dico: ogni volta che avete fatto queste cose a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me».

Commento

Il vangelo è sempre concreto, parla di un voler bene che non è mai generico. L’assetato, l’affamato, colui che è nudo, sono quell’uomo, quella donna che in quel preciso momento ci hanno interpellati. E la nostra mano che si tende, il nostro cuore che ospita il bisogno di chi gli è vicino, è ciò di cui Gesù sta parlando.

Il mondo si salva nei gesti di prossimità di coloro che incontrano il bisogno dell’altro come fosse il proprio; che sentono di dover restituire quanto ricevuto in dono. Non può guidarci la paura di perdere ciò che abbiamo, ma il desiderio di condividerlo per gioirne mille volte di più.

L’umanità ha un unico volto, quello di Cristo, e quando una parte gioisce tutto il Cristo gioisce.

Dal “Calendario del Patrono d’Italia 2021” – Ed. Biblioteca Francescana – Milano